Il pavimento sopraelevato
Com’è fatto

Home » Il pavimento sopraelevato » Com’è fatto

360 metri quadri
di pavimento prodotti
ogni ora.

3,2 secondi
per produrre un pannello.

0,015% di pannelli
scartati in produzione.

Il pavimento sopraelevato è molto robusto per resistere prima alle condizioni gravose del cantiere e poi all’impiego quotidiano.
Per il cantiere e i suoi abusi abbiamo scelto un involucro di lamiera zincata, resistente a tutto e riciclabile al 100%.
Per la portata meccanica abbiamo scelto di usare pannelli interni in truciolato di legno o solfato di calcio rinforzato con fibre, incollati alla lamiera, molto resistenti alla flessione e alla rottura.
Per chiudere il tutto abbiamo rubato ai vasetti di pomodoro l’idea della lavorazione a quattro pieghe ribattute, così i nostri pannelli hanno già una trave perimetrale che permette sempre di non usare traversi addizionali.
In tre step è pronto il pannello JVP 4X4: un’idea semplice, efficace e innovativa nella miglior tradizione “Made in Italy”.

Anima truciolare FSC

Anima truciolare FSC

Anima truciolare FSC

Anima gessofibra

360 m2

di pavimento
prodotti ogni ora

3,2 “

per produrre
un pannello

0,015%

di pannelli scartati
in produzione

La linea produzione usata è di terza generazione ed è stata integralmente progettata dallo staff tecnico JVP nel 2002, aggiornata nel 2017 ed è ancora quanto di più efficiente e veloce vi sia al mondo nel settore: venite a visitarla o guardate la nostra galleria di immagini…